Una vita in musica

Una personalità artistica forte, poliedrica, innovativa, quella di Riz Ortolani, compositore e direttore d’orchestra con alle spalle una produzione che spazia dal cinema al teatro, dalla musica classica alle opere televisive.
 
Dopo essersi diplomato al Conservatorio Gioachino Rossini di Pesaro, la sua città, non ancora ventenne si trasferisce a Roma, dove si unisce ad un gruppo di giovani strumentisti dell’orchestra della RAI. Qui si fa presto notare dai dirigenti dell’azienda, i quali gli affidano la direzione di un’orchestra jazz-sinfonica che gli darà immediata popolarità.
 
La carriera cinematografica inizia nel ’62 con la colonna sonora del film documentario Mondo Cane. Il tema principale del film, More, cantato da Katyna Ranieri (sua moglie), gli vale nel ’64 la Nomination all’Oscar come “Best Theme Song” e la vittoria del Grammy Award come “Best Instrumental Theme”. More conta oltre mille incisioni dei maggiori artisti del mondo e 70 milioni di dischi venduti. Ortolani è stato il primo musicista italiano a ricevere riconoscimenti così ambiti che numerosi si ripeteranno negli anni, in Italia come all’estero.
 
Importanti le collaborazioni con gli Studios americani (MGM, United Artist, Universal) e con registi come Vittorio De Sica, Dino Risi, Franco Zeffirelli, Terence Young, Edward Dmytryk. Lunghi e fruttuosi i sodalizi artistici con Damiano Damiani e Pupi Avati. Tra le sue partiture non mancano veri e propri “cult”: da Mondo Cane a Il Sorpasso, da Anzio a Africa Addio, da La Rolls Royce Gialla a La Donna Nel Mondo, da Valachi Papers a Fratello Sole Sorella Luna, fino alle più recenti Ma Quando Arrivano Le Ragazze, La Rivincita di Natale, Il Papà di Giovanna, Una Sconfinata Giovinezza.
 
Nel 2001, al Teatro Rossini di Pesaro, viene eseguita la sua prima opera sinfonica: Sinfonia della Memoria. Nel 2004, al Maggio Musicale Fiorentino, viene presentato il suo primo balletto dal titolo In Una Parte di Cielo, ispirato alla vita di Michelangelo.
 
Nel 2007 crea a Pesaro, insieme alla moglie Katina Ranieri, la Fondazione Riz Ortolani per promuovere la musica attraverso borse di studio, seminari, dibattiti, concertistica e mostre. Nello stesso anno nasce l’OperaMusical Il Principe della Gioventù, ispirata all’appassionante vicenda storica della Congiura dei Pazzi nella Firenze Rinascimentale.
 
Nel corso della sua lunga carriera Ortolani ha diretto orchestre sinfoniche prestigiose come quelle di Londra, Berlino, Houston, Rio de Janeiro, Mexico, La Fenice di Venezia, la Sinfonica del Teatro dell’Opera di Roma, il Regio di Torino e la Philharmonique de Montecarlo. Memorabile resta il suo tour in Giappone alla direzione dell’Orchestra Sinfonica di Vienna.

Premi e riconoscimenti

Grammy Award Winner
(1964) Best Instrumental Theme “More”
————————————————————————-
Golden Globe Award
Winner
(1965) Best Film Song “Forget Domani”
Golden Globe Award
Nominations

(1965) Best Score “The Yellow Rolls Royce”
(1971) Best Song “Till Love touches your Life” ————————————————————————-
Academy Award (Oscar)
Nominations
(1964) Best Song “More”
(1971) Best Song “Till Love touches your Life” 
————————————————————————-
Emmy Award
Nominations
(1994) Best European Score TV Drama
“Un Uomo di Rispetto”

(1985) Best Score International TV
“Christopher Columbus”

————————————————————————-
(2002) BMI “More” Certificate of Achievement
for over Six Million Broadcast

(2006) BMI USA Special Citation of Achievement
for Seven Million Broadcast Performances
of “More” over fifteen hundred versions
recorded by all major artists and orchestras,
over 70 million records sold

————————————————————————-
5 David di Donatello:

(2005) Best Composer & Score
“Ma quando arrivano le Ragazze?”

(1988) Best Original Theme
“Ultimo Minuto”
(Pupi Avati)
(1987) Best Instrumental Theme
“Regalo di Natale”
(Pupi Avati)
(1986) Best Original Theme
“Festa di Laurea”
(Pupi Avati)
(1981) Migliore Musicista
“L’Avvertimento”
(Damiano Damiani)

7 Nominations per Best Instrumental Theme: “Aiutami a Sognare”, “Fantasma d’Amore”,
“Noi Tre”, “Storia di Ragazzi e di Ragazze”,
“Nel Giardino delle Rose”, “Il Cuore Altrove”, “La Rivincita di Natale” 
————————————————————————-
3 Nastri d’Argento:

(1987) Best Score
“L’inchiesta” (Damiano Damiani)
(1984) Best Music
“Una Gita Scolastica”
(Pupi Avati)
(1987) Best Score
“Aiutami a Sognare” (Pupi Avati)

4 Nominations: “Noi tre”, “Ultimo Minuto”, “Magnificat”, “Gioco al Massacro”
————————————————————————-
Premio Cinema Italiano Diamanti al Cinema

(2005) Miglior Colonna Sonora “Ma quando arrivano le Ragazze?” ————————————————————————-


————————————————————————-
(2009) La Grande Musica per il Cinema
Fondazione Politeama Catanzaro

————————————————————————-
(2008) Premio Goffredo Petrassi
Fondazione Goffredo Petrassi

————————————————————————-
(2007) Premio Nazionale di Cultura
“Frontino-Montefeltro”
Università di Urbino

(2007) Premio Paul Harris Fellow
Fondazione Rotary del Rotary International

(2007) Ambasciatore della Musica nel Mondo
Medaglia dalla Città di Roma
————————————————————————-
(2006) Premio Internazionale
Flajano-Cinema “alla carriera”


(2006) Uomo dell’Anno per la Musica
Associazione Laureati Università Bocconi

————————————————————————-
(2003) Targa dal Principe Alberto di Monaco per
“Concerto per Teatro”
La Fenice di Venezia,
Orchestra Philarmonique de Monte Carlo
————————————————————————-
(2001) Medaglia D’Argento dal Presidente
della Repubblica Italiana Carlo Azeglio Ciampi
per “alti meriti artistici”
in occasione della prima
esecuzione della “Sinfonia per la Memoria”
Teatro Rossini, Pesaro
————————————————————————-
(1996) Targa d’Argento ad Honorem
per “alti meriti artistici”

Conservatorio Gioachino Rossini di Pesaro
————————————————————————-
(1995) Commendatore della Repubblica Italiana
conferitagli dal Presidente Oscar Luigi Scalfaro

(1995) Premio Circolo della Stampa Pesaro
“per il cittadino Riziero Ortolani
che onora la sua città nel mondo”